Contattaci info@hk-green.sk

Storia del natale

Le vacanze all'insegna della pace, dell'amore e del tempo trascorso con la famiglia e gli amici si avvicinano irresistibilmente. È questo periodo meraviglioso che è accompagnato da un enorme stress, dalla fretta e dalla ricerca dei regali migliori.

Tuttavia, il periodo prima del magico Natale non ha sempre assunto questa forma. Nell'articolo di oggi vi racconteremo la storia di questo meraviglioso e amato periodo: il periodo natalizio.

Il primo elemento importante che non dobbiamo menzionare è la provenienza di questo importante periodo dell'anno.

Il Natale è descritto come un mix di diverse tradizioni religiose, pagane e di altro tipo. Da un altro punto di vista, il Natale si basa sulle tradizioni. Come le altre feste, sono strettamente legate all'inizio di qualcosa di nuovo, altrimenti non è lo stesso a Natale. Ogni anno, da secoli, il Natale viene celebrato subito dopo il solstizio d'inverno, quindi segue qualcosa di nuovo, ovvero il solstizio d'estate.

Ti chiedi perché il Natale si festeggia pochi giorni dopo il solstizio d'inverno, il 24 o il 25 dicembre? Dal punto di vista cristiano, la celebrazione del Natale è legata alla data della nascita di Gesù. Tuttavia, questa ipotesi non deve essere basata su fatti reali, poiché la data specifica è sconosciuta. Secondo la teoria, i cristiani scelsero la data del 25 dicembre a causa del suddetto solstizio. Hanno scelto questa data principalmente a causa del solstizio, dal quale il sole inizia a sorgere. Per loro significava la venuta del Salvatore. La seconda teoria è che questa data sia stata scelta tenendo conto della celebrazione della Pasqua. Anche in questo caso, il solstizio segue 9 mesi dopo l'equinozio vicino al quale si celebra la Pasqua. La terza teoria è che i cristiani cercassero di coprire le festività allora molto importanti, come la celebrazione del culto del dio sole dell'antico persiano Mitra.

La tradizione associata alla realizzazione di presepi fu resa popolare da Francesco d'Assisi nel X secolo. Questa bellissima usanza si è diffusa alla velocità della luce in tutta Europa. Ci sono diversi simboli nei colori e tutte le connessioni che sono state e sono ancora applicate al presepe. È il presepe che viene decorato con foglie, edera o addirittura vischio. I colori come il rosso, il verde, l'oro rappresentano i simboli del sangue e della vita eterna. I doni che i tre re fecero al piccolo Gesù simboleggiano la vita eterna.

E cosa significava? La decorazione del vischio proviene da antichi miti e folklore europei. Quando ci sono caratteristiche bacche bianche sulla pianta e un paio di baci sotto questa eccellente pianta, una delle bacche si stacca in segno di fertilità.

Se si pronuncia la parola Natale, viene subito in mente l'elemento più prezioso. L'elemento è l' albero associato alla sua decorazione. La popolarissima decorazione degli alberi risale al VII secolo e deriva dal culto pagano degli alberi. sv. Bonifacio dichiarò che al posto delle querce si doveva adorare un abete , il cui spitz punta al cielo e la forma dell'abete ricorda la Santissima Trinità.

Il termine albero di Natale , che è estremamente clamoroso anche nel XXI secolo, non è apparso fino al XII secolo dopo, in particolare nel XIX secolo. In alcune parti del mondo, i cactus di Natale e altri tipi di piante sono usati anche come decorazioni natalizie.

Le luci, che sono anche un elemento caratteristico del Natale, sono un simbolo di Gesù, la luce del mondo. Tuttavia, sappiamo dalla storia che il fuoco è sempre stato una celebrazione dell'equinozio. Questa decorazione, che è estremamente popolare tra molti, ha, come già accennato, un significato molto più grande e profondo della semplice decorazione insensata ed esagerata della casa o dell'esterno della casa.

Canti e canti natalizi sono una combinazione di canti religiosi e canti popolari. Popolarità e popolarità aumentarono e iniziarono a guadagnare una rapida crescita verso l'alto nel XIX secolo. Fu durante questo periodo che le persone iniziarono a unire tutte le connessioni e un significato sociale più profondo. Ancora oggi incontriamo canti natalizi che si sentono ovunque, almeno un mese prima di questo periodo magico. Questa mossa di marketing è legata al consumismo che affrontiamo. Le melodie orecchiabili che sono caratteristiche di queste canzoni sono apprezzate da molti e quindi possono rallentarci, calmarci e nei centri commerciali possiamo quindi passare molto più tempo - aumentiamo il giro d'affari dei commercianti.

E per quanto riguarda i regali? Molti credono che il simbolismo del dono derivi dalla Bibbia, con l'arrivo dei tre re a Betlemme. Ma la verità è un'altra. Il simbolismo dei regali segue la tradizione dell'antica festa romana dei Saturnali in onore del dio Saturno. Tuttavia, il contenuto dei doni è stato per secoli simile a quello odierno. Questioni materiali che erano caratteristiche del tempo. Invece di giocattoli di plastica, i bambini hanno spesso trovato giocattoli realizzati con materiali di migliore qualità, come il legno, sotto l'albero.